Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per gestire i servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su Cookies policy

Cliccando su "Ok" acconsenti all’uso dei cookie.

 

A PROPOSITO DI :

METEO

 

Visto le particolari condizioni atmosferiche di questo periodo, andiamo a veder cosa dice il regolamento in merito.

1) Il giudizio sulla impraticabilità del terreno di gioco, per intemperie o altra causa, è di esclusiva competenza dell'arbitro designato a dirigere la gara.

2) L'accertamento, alla presenza dei capitani delle squadre, deve essere eseguito all'ora fissato per l'inizio della gara, dopo la verifica della presenza delle due squadre e l'identificazione dei calciatori indicati nei prescritti elenchi.

3) L'arbitro può procedere all'accertamento dell'impraticabilità del terreno di gioco prima dell'ora fissata per l'inizio della gara ove siano presenti i capitani delle squadre. Qualora l'impraticabilità fosse ritenuta non rimediabile entro l'ora fissata per l'inizio della gara, l'arbitro può prescindere dalla presenza e, quindi, dall'identificazione dei calciatori delle due squadre.

 

Andiamo ora ad analizzare quali sono le cause che determinano l'impraticabilità del terreno di gioco:

1) Neve o fango: quando l'entità è tale da non consentire il rimbalzo del pallone ed ai calciatori di giocarlo regolarmente;

2) Ghiaccio: quando, in più zone, del terreno di gioco, vi sono strati di ghiaccio o di neve ghiacciata che costituiscono pericolo;

3) Pioggia o allagamenti: quando il pallone non rimbalza, galleggia in più zone del terreno di gioco e quando le diffuse pozzanghere non consentono un idonea segnatura del terreno stesso;

4) Vento: quando la sua entità non permette al pallone di rimanere fermo nelle riprese di gioco;

5) Insufficiente visibilità a causa di nebbia o sopraggiunta oscurità: quando l'arbitro non è in grado di vedere, da una porta, la totalità del terreno di gioco; naturalmente, compresa la porta opposta.

 

Qualora l'arbitro ritenga che detti impedimenti abbiano carattere temporaneo, inviterà le squadre a tenersi a disposizione per il tempo che riterrà opportuno. In caso di impedimenti definitivi, deciderà la sospensione definitiva della gara.

 

In caso si sospensione temporanea della gara, l'arbitro inviterà le due squadre, tramite i loro capitani, a tenersi a sua disposizione fino ad avviso contrario, e in caso venisse ripreso il gioco, lo stesso riprenderà o con un rimessa da parte dell'arbitro nel caso in cui egli stesso avesse interrotto la gara con un suo fischio o in conformità a com'era stato interrotto. Nella fatti specie la gara sarà ripresa dal minuto in cui è stata interrotta, quindi non saranno conteggiati minuti di recupero per situazione del genere. 

 

Dovrebbe essere buona norma da parte dell'arbitro (ma in questo caso entra in campo la regola 18 del regolamento,quella non scritta, cioè del buon senso), sentire i capitani una volta fatto il sopralluogo sul terreno di gioco per valutare meglio un rinvio o un inizio della gara.

Ricerca

I nostri Sponsor

Copyright U.P. Reanese © 2013. All Rights Reserved.